Automatizzare gli investimenti

Un fattore di aiuto nel raggiungimento di un obiettivo finanziario è l’automatizzazione dell’investimento.

Il vantaggio principale di automatizzare il processo è quello di implementare  un piano d’investimento “sempre e comunque”; vale di più infatti disporre di una strategia e di implementarla , piuttosto che non avere un piano ed agire di volta in volta in balia ai sentimenti del momento.

Automatizzare un processo di risparmio ed investimento ( per esempio adottando la strategia del PAC automatico) , ci consente di :

a) Pagare sé stessi per prima: trattasi della regola aurea per raggiungere qualsiasi obiettivo finanziario, in pratica siamo noi stessi la priorità numero uno delle nostre spese mensili.

Dirottare automaticamente ogni qualvolta percepiamo ad esempio uno stipendio una parte di esso verso un piano di risparmio ed investimento, evita che esso possa essere “speso” in altre forme, non rendendolo più disponibile.

b) Beneficiare dell’interesse composto: aggiungendo risparmio nel tempo regolarmente, questo genererà ulteriore guadagno ottenendo il famoso effetto “palla di neve”; se poi si investe in strumenti che differiscono il pagamento delle tasse , avremo un ulteriore effetto turbo sui nostri risparmi.

c) Evitare errori dovuti all’emozione: un approccio automatico, come si diceva inizialmente, permette di rimuovere la componente emotiva che è una delle principali nemiche per quanto riguarda il rendimento finale di un investimento. Automatizzare si traduce in evitare errori impulsivi.

d) Sfruttare la volatilità dei mercati: possiamo beneficiare delle oscillazioni dei mercati; nel lungo termine si potrà ottenere un beneficio dalle diverse condizioni dei mercati comprando più quote quando i prezzi sono bassi e meno quando sono più alti.

Vediamo infatti come applicando un processo automatico può portare dei benefici concreti ad un piano d’investimento.

Supponiamo d’investire un importo costante nel corso di un anno solare ( per semplicità consideriamo 100 Euro mensili), e di investire in quote di un fondo azionario ( ad esempio un ETF diversificato). Ipotizziamo di avere un’oscillazione di prezzo che varia da 10 a 22 Euro.

 

  Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Importo Investito(€) 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100 100
Prezzo Acquisto(€) 20 18 22 16 17 14 10 17 13 17 12 20
Quote acquistate 5 5 4 6 5 7 10 5 7 5 8 5
 
Totale Investito 1200 (€)
Prezzo medio 16(€)
Totale quote  73

 

Dalla tabella si vede come nel mese di Marzo , dove la quotazione dell’anno è massima ( 22 Euro) ,si acquistano “solo” 4 quote con l’investimento di 100 Euro mensili; a Luglio, dove invece la quotazione scende al minimo annuale, gli stessi 100 Euro consentono di acquistare 10 quote ( 100 diviso 10 ) , più del doppio delle quote acquistate a Marzo.

Ipotizzando dunque che in un anno il prezzo iniziale coincida con quello che finale( situazione che sui mercati azionari si può presentare anche allargando il periodo analizzato), l’automatismo dell’investimento  consente di avere un bilancio finale di : quote (73 )x prezzo Dicembre (20 Euro) = 1460 Euro.

Più altà è la volatilità che si presenta nel corso del PAC , maggiore sarà il beneficio che un piano di accumulo automatico sarà in grado di fornire.

Un approccio metodico ed automatico permette dunque la possibilità di portare avanti un piano indipendentemente dalle condizioni di mercato, ed anzi aumenta la possibilità di cogliere quelle opportunità che difficilmente potrebbero essere colte in situazioni di panico generalizzato.

“Compra basso e vendi alto” dicono gli anziani di questo mondo; in una situazione di emotività spinta (come ad esempio i 2 forti bear market degli anni 2000) un PAC automatizzato avrebbe quindi aiutato ad acquistare a prezzi molto convenienti, bisogna comunque avere la forza di  non smobilizzare l’investimento in corso proprio in quei momenti , per non vedere vanificare anni ed anni di sacrifici!!

Just keep buying………….

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *