La piramide della libertà finanziaria

La volta scorsa abbiamo visto la semplice verità che si nasconde dietro un progetto di libertà finanziaria.

Oggi vediamo invece come, analogamente a quanto si fa per l’alimentazione, anche per la libertà finanziaria possiamo fare riferimento ad una “piramide”, che ci propone i consigli per raggiungere il nostro obiettivo.

Lo schema della piramide proposto dal famoso blogger americano Tony Isola è composto dai seguenti livelli:

  1. Sviluppo personale;
  2. Risparmio ed interesse composto (da usare con massima libertà);
  3. Eventi attuali e controllo del portafoglio (da usare con molta moderazione);
  4. Da evitare.

Analizziamo nel dettaglio i vali livelli del grafico della piramide per l’indipendenza finanziaria proposto.

Sviluppo personale

Secondo Tony Isola, lo sviluppo personale costituisce il primo gradino verso la libertà finanziaria. In questo livello troviamo quelle attività, che ci consentono di poter risparmiare e dunque di poter mettere “fieno in cascina”: leggere, studiare, ascoltare, sperimentare, acquisire nuovi skill in grado di aumentare la nostra capacità di reddito, ma anche  migliorare il controllo delle emozioni, nonché avere un focus sul lungo termine. Stabilire delle sane abitudini fisiche ed alimentari completano questo gradino.

Risparmio ed interesse composto

Ne abbiamo parlato svariate volte in questo blog: tutto inizia dal risparmio e dalla capacità di far agire l’interesse composto. Aumentare la quota di risparmio, investire con continuità  attraverso dei PAC (Piani di Accumulo), evitare inutili costi e diversificare sono gli ingredienti che non possono assolutamente mancare nella ricetta che ci conduce alla libertà finanziaria.

Eventi attuali e controllo del portafoglio

Il controllo troppo frequente del nostro portafoglio e dell’andamento dei mercati andrebbero ridotti all’osso, onde evitare di deviare dal proprio piano di lungo termine.

Da evitare

Market timing, complessità negli investimenti e la  perdita definitiva del proprio capitale trovano spazio nel vertice della piramide e sono dunque largamente da evitare.

Come per la salute se si vuole rimanere in buona forma fisica, bisogna privilegiare gli alimenti alla base della piramide alimentare, per essere in salute da un punto di vista finanziario occorre guardare sempre alla base della piramide e in questo caso gli “alimenti” consigliati sono:

risparmio, diversificazione, startegia di lungo termine e controllo delle emozioni.

Se osserviamo questo schema, le probabilità di raggiungere la libertà finanziaria saranno senz’altro maggiori.

2 risposte a “La piramide della libertà finanziaria”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *