Occhio ai costi!

Foto di Comfreak da Pixabay

“Attento alle piccole spese; una piccola perdita può affondare anche una grande nave.” (Benjamin Franklin).

Riporto di seguito una tabella di facile lettura, che mostra l’effetto devastante che possono avere i costi sui nostri investimenti, soprattutto nel lungo periodo.

Incidenza dei costi sul risultato finale del nostro investimento.

Come si può notare, anche l’1% di costi annui può decurtare il nostro portafoglio d’investimento di oltre il 25% su un orizzonte temporale di 30 anni ad esempio.

Spesso ci si perde affannosamente dietro strategie per cercare di ottenere degli extra-rendimenti sui nostri investimenti dell’1% e del 2% annuo, trascurando che la soluzione più semplice e sicura (i costi sono certi ed i rendimenti no!) è quella di tenere sotto controllo i costi che sosteniamo per mantenere il nostro portafoglio.

Leggi anche: La tirannia dei costi!

4 risposte a “Occhio ai costi!”

  1. Ciao! interessante tabella sintetica dei costi che posso gravare su fondi comuni etf o anche pip.
    Non capisco però il ragionamento e il corrispettivo calcolo: esempio so ho un costo annuale fisso del 1,50% per 50 anni, il risultato sarebbe 75%, come lo hai dedotto questo 53%. Anche altri calcoli non mi quadrano

    1. Ciao Lorenzo,

      ti ringrazio molto per il commento; la tabella mostra quanto incidono i costi in percentuale sul risultato finale dell’investimento per semplicità ho arrotondato tutte le percentuali per avere numeri dei numeri interi da mostrare più facilmente.

      Per verificare i calcoli effettuati, puoi consultare questo ottimo sito che ti permette di appunto valutare l’impatto dei costi per durate e rendimenti diversi (https://www.bankrate.com/calculators/retirement/mutual-funds-fees-calculator.aspx).

      Veniamo alla tua osservazione: andando sul link sopra menzionato inseriamo ad esempio 1000 Euro come investimento iniziale e supponiamo di ottenere un rendimento del 8% annuo composto medio. Dopo 50 anni, il montante finale di questo investimento sarebbe di 46.902; se ora inseriamo un costo annuo del 1.5% ( vai sulla voce total operating expenses ed inserisci 1.5% ) il risultato che otteniamo è di 22.029; la differenza fra questi 2 valori ( 46.902 – 22.029 = 24.873 che risulta proprio essere circa il 53% del valore che avremo ottenuto senza alcun costo ( 46.902).

      La tabella del post indica proprio queste percentuali. C’è però da dire che la decurtazione che si ottiene comprende anche il “costo opportunità dei costi” ovvero nel calcolo si considera anche l’effetto (mancato guadagno) di non avere investito questi costi allo stesso tasso di rendimento durante tutta la durata dell’investimento.

      Grazie ancora per la tua ottima osservazione!

        1. Grazie a te per il commento ed il tuo link ! Come dici infatti in finanza una delle poche certezze è quella che minori sono i costi maggiori sono i rendimenti !
          A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *